Libreria «l'Antro di Ulisse»

... a Ferrara dal 1979!

Brevi Storie delle principali Case Editrici italiane

EditoriaAbbiamo sintetizzato in questa Categoria le storie delle principali Case Editrici italiane: grandi nomi che da sempre siamo abituati a leggere sulle copertine dei libri, ma delle quali assai spesso ignoriamo il passato storico, i motivi che ne hanno determinato la nascita e gli eventi che le hanno coinvolte.

Oltre che dalle nostre conoscenze personali e dalle informazioni reperite su fonte cartacea, abbiamo estratto le nozioni sulle singole storie dai siti ufficiali dei rispettivi editori, che ringraziamo per il contenuto condiviso sul web, nonché dall'enciclopedia online WikiPedia.org, che citiamo secondo la prassi della Licenza Creative Commons ed ai cui autori siamo riconoscenti per il lavoro di ricerca effettuato a favore del pubblico.

Federico Motta

Logo Feredico Motta

Nel 1929 Federico Motta fonda l'azienda che inizialmente si chiama Cliché Motta. Specializzata nella riproduzione fotomeccanica e nella stampa a colori di qualità ben presto si affaccerà nel settore dell'editoria stampando negli anni 30 tra i maggiori fumetti dell'epoca tra cui Dick Fulmine, Zambo, Tony Falco.

Il 10 maggio 1952 viene pubblicata la prima edizione dell'Enciclopedia Motta che sfruttando un sistema di distribuzione a fascicoli ottiene un grande successo di vendite. Nel 1954 l'editore decide di abbandonare la distribuzione tramite edicola a favore dei canali di distribuzione tradizionali e della vendita porta a porta.

Negli anni '60 subentra alla guida dell'azienda il figlio Virginio Motta che, nel 1965, dopo la morte del padre istituisce, a suo nome, una borsa di studio che negli anni premierà migliaia di studenti della scuola media inferiore. Sul finire degli anni '80 alla guida dell'azienda si insedia, come amministratore delegato, Federico Motta figlio di Virginio che darà il via alla nascita del Gruppo Editoriale Motta. Federico Motta è attualmente presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e della Federazione degli Editori Europei (FEE-FEP).

La sensibilità per l'innovazione continua a guidare la filosofia della società anche negli anni '70, quando presenta una nuova edizione enciclopedica corredata da Tavole Transvision e arricchisce la sua proposta editoriale con volumi di grande valore storico e culturale, opere specialistiche dedicate alla Medicina, alla Psicologia, alla Botanica, alla Geologia e alla Zoologia.

Negli anni '80, in anticipo sui tempi, viene lanciato il Sonobox, un nuovo strumento multimediale per la lettura audio da applicare a pagine speciali dei Decenni di Storia Contemporanea: cinque volumi che costituiscono un'importante integrazione dell'Enciclopedia.

Le innovazioni non riguardano però soltanto la tecnologia; in quegli anni, infatti, la casa editrice intraprende anche una serie di iniziative che si inseriscono nel vivace dibattito che anima la vita culturale del paese. Vengono organizzati una serie di convegni per affrontare il tema dell’occupazione giovanile e due trasmissioni televisive per la RAI. Vengono, inoltre, istituiti due importanti premi: il Premio Ecologia, che si propone di sensibilizzare i ragazzi al rispetto dell’ambiente, e il Premio Giornalistico Federico Motta, promosso con lo scopo di rilevare nell'ambito del mondo dell'informazione articoli e servizi radio-televisivi meritevoli di attenzione.

Nel gennaio del '91 debutta l'Enciclopedia Multimediale Motta, la prima sul mercato a porsi come obiettivo l'integrazione fra diversi media: volumi, videocassette, Tavole Transvision, floppy disk e CD-ROM.

L’anno seguente, la casa editrice aderisce con entusiasmo al progetto di produrre con la RAI la trasmissione itinerante Piacere Raiuno, seguendone ogni tappa. Essa utilizza l'inedito Sistema Multimediale Motta come consulente editoriale e valido supporto per formulare le domande dei giochi ai ragazzi e ai telespettatori.

Nuovi scenari anche sul fronte dell’impegno sociale; la casa editrice concentra l'attenzione sulle tematiche socio-culturali europee e il Premio Giornalistico Federico Motta diventa Obiettivo Europa.

Questo secondo ciclo di edizioni intende rappresentare l'Europa del 2000 con la sua civiltà e la sua cultura, i suoi uomini e i suoi progetti. Il Premio scandisce tutto il decennio che segue e annovera, tra i suoi premiati, autorevoli personalità del mondo politico internazionale e i più illustri rappresentanti della carta stampata.

Nel 1993, fedele all’impegno di favorire il diffondersi di una cultura di sensibilità e attenzione ai bisogni dell'infanzia, la casa editrice contribuisce a sostenere il progetto "Tetto Azzurro".

Il 28 Maggio 1996 il gruppo sigla un accordo con la Walt Disney Company per la produzione e distribuzione de La Grande Enciclopedia per i Ragazzi Motta/Disney.

Nel 1997 Federico Motta Editore acquisisce Grolier Italia, una casa editrice presente nel mercato italiano dagli anni ’60, che presenta i propri prodotti editoriali ad aziende, professionisti e commercianti. La diffusione dei PC, le connessioni a banda larga ed in seguito dei dispositivi di mobile come gli Smart Phone, permettono a Grolier di ampliare i propri prodotti e servizi per i professionisti, pensando ad esempio ai Feed RSS, l’agenda on line o il Competence Center. Grolier Italia crea Progetto Archimedia, un sistema integrato ed articolato di attualità ed informazione, di prodotti e servizi, che offre con estrema facilità un collegamento in tempo reale ad un enorme network al servizio del mondo del lavoro e del tempo libero.

Nel 2000 nasce l'Enciclopedia Motta On Line, enciclopedia universale con oltre 485'000 pagine web, comprendente più di 220'000 voci, 14'000 illustrazioni a colori e dodici ore di documentazione audio.

Il 10 aprile 2004 la Federico Motta Editore viene insignita dal Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi con il Premio Speciale per la Cultura 2003 "per l’impegno profuso dall’editore, in questi ultimi anni, a diversificare e contribuire alla crescita di un settore strategico per l’arricchimento sociale e culturale del nostro Paese come quello dell’editoria".

Sempre in quell'anno, nasce la collana le Mottine, una serie di enciclopedie compatte multimediali con CD-ROM allegato. La collana è composta dai seguenti titoli: il Dizionario della Letteratura Universale, Medicina e Salute, Enciclopedia della Pittura e dei Pittori, Universale, Novecento e Scienze Naturali.

Nel 2006 da una intensa e proficua collaborazione con il Parco Oltremare di Roccione, Turisti per Caso e il Museo di Scienze Naturali di Milano, nasce il progetto La Bussola della Conoscenza: un progetto formativo dedicato all’evoluzione e in particolar modo a Charles Darwin, che la casa editrice propone alle scuole: oltre ad un sistema articolato di contenuti multimediale e a momenti di formazione dedicata agli studenti, i formatori della casa editrice propongono ai ragazzi il laboratorio didattico multimediale Il Viaggio di Darwin. Pubblicato anche su CD-ROM, il Viaggio di Darwin viene riconosciuto vincitore del premio Pirelli INTERNETional Award, come miglior prodotto multimediale italiano.

Il 2007 è l’anno in cui viene pubblicata una nuova e prestigiosa grande opera editoriale, unica nel suo genere: Historia – La grande storia della civiltà europea, diretta e coordinata dal prof. Umberto Eco. Historia rappresenta un'opera di grande valore culturale non solo per la casa editrice, ma per l’intero mercato italiano delle opere enciclopediche.

Il Gruppo Editoriale Motta conta sei società al suo interno, sia italiane che estere e opera in altrettante diversificate aree di business. Pubblica libri e riviste culturali su letteratura, arte, architettura e fotografia, narrativa per bambini e ragazzi, opere di consultazione, prodotti multimediali per professionisti.

Franco Cosimo Panini

Logo Franco Cosimo Panini

Franco Cosimo Panini ha iniziato a pubblicare libri d’arte e di cultura a Modena oltre trent’anni fa, ma nel panorama editoriale italiano ed estero il nome Panini era già ben noto e affermato grazie alla fortunata attività nel campo delle figurine per ragazzi.

Fin dal 1960, infatti, Giuseppe e Benito Panini, a cui poco dopo si uniscono gli altri due fratelli Umberto e Franco Cosimo, producono e distribuiscono nelle edicole le popolari figurine dei calciatori, ben presto affiancate da altre raccolte dedicate ai più svariati argomenti: storia e geografia, scienza e spettacolo, eventi sportivi e personaggi amati in tutto il mondo come Topolino, Paperino, i Puffi…

Agli inizi degli anni ’70 le Edizioni Panini si affacciano sui mercati internazionali, arrivando in pochi anni a produrre raccolte destinate a 40 paesi e diventando leader mondiali nel settore delle figurine.

Il primo libro pubblicato con il nome Panini risale al 1978. È una cronaca rinascimentale di Modena data alle stampe, trascritta e commentata, per volontà di Franco Cosimo Panini, all’interno delle Edizioni Panini.

All’inizio la produzione di libri si affianca a quella delle figurine, ma presto dà vita a una Divisione autonoma, dalla quale in pochi anni nasce un catalogo ricco di proposte di elevato livello culturale in particolare nei settori dell’arte, dell’archeologia e della storia locale.

Nel 1989, quando i fratelli Panini decidono di cedere la loro Casa editrice, il ramo libri viene rilevato da Franco Cosimo Panini, che dà il proprio nome alla nuova società proseguendone l’attività editoriale.

Nasce così la Franco Cosimo Panini Editore e da questo momento ha inizio una fase di sviluppo e di diversificazione segnata da alcune tappe significative. L’ingresso nel settore dei libri per ragazzi, culminato con il successo della cagnetta Pimpa creata dal disegnatore Altan. La nascita della fortunata collana Comix, in cui fanno il loro esordio personaggi popolari come Daniele Luttazzi e Fabio Fazio.

Negli ultimi anni, il nome Franco Cosimo Panini Editore resta soprattutto legato al varo di due iniziative editoriali di eccezionale valore scientifico e culturale: la pubblicazione di edizioni in facsimile di preziosi codici miniati, iniziata con la realizzazione della celebre Bibbia di Borso d’Este, e la nascita della collana Mirabilia Italiæ, la più completa ed esauriente serie di volumi mai dedicati ai principali monumenti del nostro patrimonio artistico.

In occasione del quarantesimo anniversario della prima Raccolta Calciatori, nel 2000 la Franco Cosimo Panini Editore ha dato alle stampe i nove volumi dell’Enciclopedia Panini del Calcio Italiano, comprendente tutte le figurine dei calciatori pubblicate dalle Edizioni Panini in quarant’anni di attività, Enciclopedia aggiornata ogni anno.

Il 29 gennaio del 2003 la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha conferito alla Franco Cosimo Panini Editore il Premio alla Cultura per l’anno 2002. Il catalogo attuale annovera oltre duecento opere articolate in collane, dedicate all’arte degli Estensi e al patrimonio artistico modenese, all’archeologia, all’arte e all’architettura.

Il 30 marzo 2007 si è spento l’editore modenese.

Franco Muzzio

Logo Muzzio

Franco Muzzio Editore è una casa editrice fondata a Padova nel 1974 da Franco Muzzio (1948).

La produzione editoriale iniziò con un paio di libri di educazione sessuale per bambini, Sexfibel, non è stata la cicogna, 41 pagine illustrate, e Un bambino lo sa? che vennero sottoposti a sequestro giudiziario.

La casa editrice abbandonò subito il tema dell'educazione sessuale e iniziò la pubblicazione di una collana divulgativa di scienze naturali (piante, fiori, animali), volumetti didascalici con abbondanza di illustrazioni. Nel 1975 iniziò la pubblicazione di una collana dedicata all'elettronica (Biblioteca tascabile di elettronica) e nel 1976 un'altra collana più professionale (Manuali di elettronica applicata), con testi tradotti dal tedesco e che raggiunsero circa 150 titoli. Le due collane erano curate da Mauro Boscarol.

Nel 1978, dopo la comparsa dei primi personal computer inizia la pubblicazione della collana Il piacere del computer, con circa un centinaio di titoli, anch'essa curata da Mauro Boscarol.

Parallelamente, dopo la crisi petrolifera degli anni settanta, venne creata anche una collana dedicata alle energie alternative e all'architettura bioclimatica (Le scienze dell'artificiale) ideata e curata da Sergio Los. Negli anni 80 in seguito all'esigenza di diversificare gli ambiti di intervento, fu lanciata una collana dedicata alla gastronomia (Cucina regionale), curata prima da Giuseppe Maffioli e poi da Marco Guarnaschelli Gotti.

Segue un'altra collana di informatica ideata e curata da Mauro Boscarol (Informatica) e due collane curate da Virginio Sala, Intelligenza artificiale e robotica e Strumenti della musica.

Negli anni novanta furono lanciate nuove collane dedicate: ai viaggi (Aritroso), in collaborazione con Ippolito Pizzetti, all'ecologia (Ecologia, con la collaborazione di Giorgio Celli, e Il pianeta, con la collaborazione di Gianfranco Bologna, direttore del WWF) al giardinaggio e agli animali (Il corvo e la colomba), ancora con Ippolito Pizzetti, e alla divulgazione scientifica (Muzzio Scienze).

A partire dalla metà degli anni Novanta la casa editrice attraversa un periodo difficile, e nel 1997 il Tribunale Fallimentare di Padova dichiara il fallimento ed effettua la vendita. Dopo una serie di passaggi di proprietà, per alcuni anni i testi Franco Muzzio sono pubblicati da Editori Riuniti.

Nel 2003 il marchio Franco Muzzio Editore viene acquistato dalla società Gruppo Editoriale Italiano che pubblica con tre marchi (Franco Muzzio Editore, Edizioni per la Decrescita Felice, Editori Riuniti University Press). Il signor Franco Muzzio ha lavorato come service editoriale per i precedenti acquirenti e da ultimo anche per la società Gruppo Editoriale Italiano S.r.l.

Nel 2008 è costituita la società Gruppo Editoriale Muzzio r.l. che pubblica nuovi testi e ristampa i testi pubblicati nel passato da Franco Muzzio Editore. Le collane più recenti del Gruppo Editoriale Muzzio r.l. sono: Energie, dedicata alle energie rinnovabili, Nature, dedicata all’etologia, Muzzio Pocket Guide, dedicata alle guide naturalistiche da campo, e Piante e Giardini dedicata a giardini e paesaggio. Tali pubblicazioni sono state pubblicate dal Gruppo Editoriale Muzzio in violazione dei diritti sul marchio Franco Muzzio Editore di esclusiva proprietà della società Gruppo Editoriale Italiano S.r.l.

Con sentenza del Tribunale di Roma, sezione specializzata in materia di proprietà industriale e intellettuale, depositata in data 10 luglio 2009 il giudice Meloni ha intimato al Gruppo Editoriale Muzzio di cessare l'utilizzo del marchio Muzzio e la vendita dei volumi recanti il medesimo marchio, fissando penali per eventuale ritardata o omessa esecuzione del provvedimento.

Fratelli Fabbri

Logo Fratelli Fabbri

Provenienti da una famiglia di piccoli borghesi commercianti forlivesi, i fratelli Fabbri vengono iniziati sin da piccoli all'amore per l'arte e la cultura classica dal padre Ottavio.

Il primogenito Giovanni, non appena laureatosi in medicina si unisce alle formazioni partigiane della Val d'Ossola. Finita la guerra, preferendo i libri alla professione medica, decide di intraprendere la carriera dell'editore, riuscendo a coinvolgere anche i fratelli.

La Fratelli Fabbri Editori ottiene un immediato successo stampando libri di testo per le scuole dell'obbligo e, successivamente, divenendo il principale editore di libri di testo per licei. Il salto di qualità viene dall'idea di stampare, in dispense periodiche, grandi opere classiche illustrate come La Divina Commedia e La Bibbia.

Il gradimento del pubblico incoraggia l'uscita, sul finire degli anni cinquanta, di altre pubblicazioni a fascicoli destinate a restare nella storia dell'editoria come Capolavori nei secoli e, soprattutto, I maestri del colore.

Negli anni sessanta, la Fratelli Fabbri Editori raggiunge l'apice della sua fama proponendo, sempre a fascicoli, l'enciclopedia illustrata Conoscere. L'enciclopedia sarà venduta a fascicoli nelle edicole, in 6 edizioni aggiornate, dal 1958 al 1963. I fascicoli venduti, raggiunsero l'astronomico numero di seicento milioni. Minore successo avrà invece la più matura Capire, ma entrambe entreranno nelle case di milioni di Italiani.

In quegli anni la casa editrice vende circa un miliardo e mezzo di dispense, pubblicate in decine di paesi e tradotte in 14 lingue, tra cui l'hindi, l'urdu, l'afrikaans, il turco e il bulgaro.

È anche la prima casa editrice italiana a mettere sul mercato prodotti multimediali: sia Conoscere sia Capire allegano supporti discografici e altre collane quali Fiabe sonore, I grandi musicisti, Le Grandi Opere Liriche e la Grande storia della musica, proseguono l'esperienza anche affrontando problematiche sconosciute per l'epoca. Ad esempio, per I grandi musicisti, al fine di rientrare nel packaging standard dell'editoria, venne commissionata alla Philips la produzione di 10 milioni di LP speciali, dal diametro di 25 centimetri.

Verso la fine degli anni sessanta, a causa della saturazione di mercato e delle agitazioni sociali, i fratelli Dino e Rino decidono di vendere le loro quote per dedicarsi ad altre attività all'estero, contrastati dal netto rifiuto del fratello maggiore.

Nel 1971 l'Istituto Finanziario Industriale (IFI), finanziaria di "casa Agnelli", acquista il 53% delle azioni della Fabbri Editori: Dino e Rino si trasferiscono all'estero, mentre Giovanni resta nell'azienda in qualità di presidente, senza però ruolo operativo, che viene affidato a Piero Stucchi Prinetti, in qualità di amministratore delegato.

Verso la fine degli anni settanta, Giovanni Fabbri entra nel mirino delle Brigate Rosse e decide di trasferirsi a Lugano, in Svizzera, dove tuttora risiede. Rino Fabbri sceglie il Paraguay, mentre Dino Fabbri muore l'11 dicembre 2001 nella sua casa di Miami, in Florida.

La "Fratelli Fabbri Editori" - da fine anni settanta semplicemente Fabbri Editori - è entrata a far parte del gruppo Gruppo RCS e continua a essere attiva nel settore editoriale dei libri di testo e delle pubblicazioni a dispense.

Con la diffusione dell'home-video (in particolar modo dopo l'arrivo del DVD) la Fabbri stipula vari accordi che le permettono di distribuire, tramite la rete delle edicole, collane monografiche su attori (come ad esempio la collana dei film di 007 o le raccolte di film di Alberto Sordi e Gilberto Govi), registi o generi di film.

Garzanti

Logo Garzanti

La Garzanti Libri fa parte del Gruppo Editoriale Mauri-Spagnol. È una delle più antiche e prestigiose case editrici italiane.

Ha infatti raccolto l'eredità della Fratelli Treves Editori, fondata nel 1879 da Emilio e Guido Treves, che pubblicò tra gli altri D'Annunzio, Verga, de Amicis e Pirandello.

Nel 1936 la Fratelli Treves viene acquistata da Aldo Garzanti, che dà il suo nome alla casa editrice, la rilancia portandola nuovamente a una posizione di primo piano nell'editoria italiana, e poi ne affida la guida al figlio Livio.

Mentre alla direzione editoriale si avvicendano, tra gli anni Sessanta e gli anni Novanta, Piero Gelli, Ernesto Ferrero e Gianandrea Piccioli, la Garzanti fa conoscere autori italiani come Gadda (le cui opere complete sono oggi raccolte in cinque volumi nei Libri della Spiga, a cura di Dante Isella), Pasolini, Parise, Volponi, Soldati; scrittori stranieri come Faulkner, Capote, Canetti; e i poeti Bertolucci, Luzi, Penna e Caproni. Ma lancia in Italia anche best seller come Ian Fleming, i coniugi Golon (autori della saga di Angelica) o Michael Crichton.

All'inizio degli anni Sessanta risale la felice invenzione delle Garzantine, le enciclopedie monovolume che nel corso dei decenni si sono imposte come un marchio di riferimento tra le enciclopedie tematiche.

Le Garzantine coprono ormai un ampio arco del sapere: oltre all'Universale, la collana conta attualmente oltre 30 volumi tematici, periodicamente rivisti e aggiornati.

Negli anni Settanta nascono e si affermano rapidamente i Grandi Libri, l'unica collana economica riservata unicamente ai classici, esemplare nella cura delle traduzioni, degli apparati critici e delle bibliografie, che ha in catalogo oltre 600 titoli.

Attualmente tra i narratori pubblicati da Garzanti Libri figurano importanti autori italiani (quali Alessandro Bergonzoni, Ferdinando Camon, Giuseppe Culicchia, Luca Doninelli, Gina Lagorio, Claudio Magris, Giuseppe Pederiali, Andrea Vitali) e stranieri (Premi Nobel come Kenzaburo Oe e scrittori di grande successo commerciale quali Jorge Amado, Michael Crichton, Laura Esquivel, Peter Handke, Joanne Harris, Kate Long, Brad Meltzer, Chaim Potok).

La saggistica copre i diversi campi del sapere, dalla filosofia (Gianni Vattimo, Ernst Bloch, Richard Rorty) alla critica letteraria (Gian Luigi Beccaria, Claudio Magris, Luca Serianni, George Steiner), dalla religione (John Cornwell, Jack Miles, Giannino Piana, Pietro Prini) ai media studies (Aldo Grasso), dalla storia (Alan Bullock, Piero Camporesi, Giorgio Fabre, Joachim Fest, Saul Friedländer, Luigi Ganapini, Victor Davis Hanson, Ernst Kantorowicz, Paul Kennedy) all'attualità (Marzio Breda, Chalmers Johnson, Corrado Stajano, Alexander Stille, Nicola Tranfaglia, Marco Travaglio).

Nella autorevole Collezione di Poesia la Garzanti ha presentato ai lettori italiani Attilio Bertolucci, Giorgio Caproni, Giovanni Giudici, Mario Luzi, Pier Paolo Pasolini, Sandro Penna, Clemente Rébora e, dalle generazioni successive, Tiziano Rossi, Fernando Bandini, Eugenio De Signoribus, Jolanda Insana.

Dal 1998 Garzanti Libri è controllata da Messaggerie Italiane. Dal 2003 Stefano Mauri, Renzo Guidieri e Oliviero Ponte di Pino le hanno dato nuovo impulso riformando la gestione, integrando alcune funzioni industriali con le altre case editrici del gruppo, riportandola spesso in classifica e rilanciando le Garzantine tramite le vendite allegate (dieci milioni di copie vendute in due anni).

Ultime Discussioni

Discussioni più lette

Libreria
«l'Antro di Ulisse»

Indirizzo
via Giuseppe Fabbri, 195-201

44123 Ferrara (Italy)

Telefono                  Fax
0532 763227           178 272 4359

eMail
info@antrodiulisse.eu
(
altri contatti: U - O - Am - Ar)