Libreria «l'Antro di Ulisse»

... a Ferrara dal 1979!

Articoli di Letteratura Italiana (dal XIII al XX sec.)

Arrigo Boito, i Racconti, Ed. dell'Antro

"«In ambito letterario, [Arrigo Boito] scrisse opere in versi, come il poemetto Re Orso (1865) e quattro racconti, pubblicati su vari periodici e mai più rivisti dall'autore: L'alfier nero (1867-1868), Iberia (1868), Il pugno chiuso (1870) e Il trapezio (1873-1874), rimasto incompiuto. Boito aveva progettato di raccogliere in volume queste novelle (cui se ne doveva aggiungere una quarta, Horror), per cui aveva pensato vari titoli complessivi (IncubiProse da Romanzo o Idee fisse) ma non ne fece nulla, lasciandole quindi cadere nel dimenticatoio.

Sono storie caratterizzate da atmosfere cupe, misteriose, conflittuali e simboliche, che risentono dell'influenza degli scrittori fantastici del primo Ottocento, in particolare del tedesco Ernst Theodor Amadeus Hoffmann e dell'americano Edgar Allan Poe, riconosciuti come maestri dagli Scapigliati. Si tratta in ogni caso di racconti di grande suggestione e maestria compositiva.»

[dall'Introduzione al libro]

 

Il libro, di cui potete visionare un'anteprima nel riquadro più sotto, è acquistabile sia in forma elettronica (formato PDF) che cartacea (Print-on-Demand sul sito del Gruppo Editoriale L'Espresso.

 

Dante Esoterico: Bibliografia Essenziale

La seguente bibliografia vuole offrire un primo orientamento sul filone interpretativo dell’opera dantesca in chiave esoterica (in direzione di volta in volta templare, albigese, rivoluzionaria, rosacrociana, gnostica, alchemica ecc.), assai vivo nell’Ottocento e non mai interrotto nonostante le valutazioni generalmente negative (giustamente negative in molti casi, nei confronti di ipotesi fantasiose e forzate che non reggono al confronto delle tesi ben più solide che esse vorrebbero demolire) o minimizzanti da parte della critica ufficiale.

Accabadora (2010)

Mi è dispiaciuto chiudere questo libro, quasi come lasciare un amico dopo un caffè, tanto per giocare con la metafora di Centochiodi.

Leggendolo ho ritrovato dopo molti anni il piacere di assaporare una scrittura adulta, di chi ha compreso molto delle persone, del loro modo di amare, di provare dolore, di crescere giorno dopo giorno.

Ambientato in una civiltà quasi scomparsa, sarda e contadina, tuttora presente e viva, anche se spesso degradata, il pregio di questo romanzo è senza alcun dubbio la qualità della lingua. Una lingua colta e generosa, sapiente miscela d’italiano e termini dialettali, capace di descrivere aspetti e mentalità dell’isola che già i racconti di Sergio Atzeni (Bellas mariposas, Sellerio, Palermo), mi avevano fatto scoprire.

Ultime Discussioni

Discussioni più lette

Libreria
«l'Antro di Ulisse»

Indirizzo
via Giuseppe Fabbri, 195-201

44123 Ferrara (Italy)

Telefono                  Fax
0532 763227           178 272 4359

eMail
info@antrodiulisse.eu
(
altri contatti: U - O - Am - Ar)