Giambattista Tiepolo 1696-1996 [Catalogo della Mostra], Ed. Skira, 1996

Giambattista Tiepolo 1696-1996 [Catalogo della Mostra], Ed. Skira, 1996

48,00 [46,15 + I.V.A.]

In stock

48,00 [46,15 + I.V.A.]

L’opera di Tiepolo accompagna ed esalta l’ultimo secolo di Venezia: un’opera vastissima, dagli echi immensi, proprio come quelli della storia, del mito, della leggenda di Venezia…

Availability: Disponibile Categoria:

Descrizione

Edizione Skira, Milano, 1996 Illustrazioni Fotografie in B/N e a colori
Traduzione Denise Schmid Redazione Doriana Comerlati
N. Volumi 1 N. Pagine 398
Dimensioni 25,5 x 31 x 3,7 cm. Peso 2,77 kg.
Descrizione

L’

opera di Tiepolo accompagna ed esalta l’ultimo secolo di Venezia: un’opera vastissima, dagli echi immensi, proprio come quelli della storia, del mito, della leggenda di Venezia. È una pittura, quella di Tiepolo, che tutto muove e coinvolge, capace di creare infinite distanze proprio al fine di esprimere profonde, sconvolgenti affinità.

Tutto vi si richiama e respinge. Nessuna figura, nessuna forma sembrano possedere un termine, un confine. Nessuna ha comunque un orizzonte definito entro cui svolgere il proprio dramma. La loro scena è il cielo – ma il cielo abitato: tutto un balenio di nubi e di immagini, di sogni e di apparizioni. Sono grandi arcipelaghi i cieli di Tiepolo, senza centri fissi, senza terranee dimore, a geometria sempre variabile. Tutto il colore veneziano è convocato a dipingerli.

Eppure è come se un vortice attirasse a sé questi infiniti mondi, volesse risucchiarli e annullarli. Nulla comprende di Tiepolo chi non avverte e non vede il pericolo, la minaccia di cui soffre ogni sua figura, ogni suo tratto. Essi resistono a una forza misteriosa che li sconvolge dall’interno e li trascina via dal loro carattere, dalla loro identità.

Sono destinati a qualcosa che ignorano. Da qui la malinconia e la nostalgia che pervadono quest’opera, anche nei momenti in cui sembra più “metter l’ali”. Ma da qui anche il senso di grande libertà che esprime: nulla può contenere il suo conatus, nessun centro quieto può organizzarne lo spazio in modo gerarchico. Siamo salpati per sempre. Ma-è una Narrenschiff, è la nave dei folli, quella su cui siamo imbarcati?

[Massimo Cacciari, Sindaco di Venezia]

 

Venticinque anni fa andava in scena a Villa Manin di Passariano una grande mostra dedicata a Giambattista Tiepolo. Tra i molti elementi di successo di quella storica manifestazione, un ruolo fondamentale ebbero l’immagine, la strategia di comunicazione e l’apparato editoriale e grafico, che un editore, Giorgio Fantoni, affrontò e risolse secondo modelli del tutto innovativi per allora, e destinati a influenzare profondamente, negli anni successivi, il rapporto tra gli editori e le grandi mostre d’arte.

Oggi, Venezia e New York tornano a celebrare il genio di Giambattista Tiepolo con una mostra straordinaria, tanto sul piano scientifico come su quello spettacolare, e non è un caso che tra gli organizzatori dell’evento figuri una casa editrice che è figlia, societariamente e culturalmente, dell’esperienza di allora.

Il ruolo che Skira è chiamata a interpretare, in occasione di questa manifestazione, è peraltro, come allora, assai innovativo. La casa editrice collabora infatti in strettissimo rapporto con le Istituzioni veneziane e con il Metropolitan Museum di New York all’intera realizzazione e promozione di questa mostra, ed è particolarmente onorata di aver potuto organicamente contribuire alla riuscita di quello che può essere a buon diritto considerato l’evento artistico mondiale di questi mesi.

Al catalogo ufficiale che l’accompagna, è affidato non soltanto il compito di documentare una mostra eccezionale e di perpetuarne la memoria, ma anche quello di porsi d’ora in avanti come punto di riferimento fondamentale negli studi sull’opera e sullo straordinario talento pittorico di Giambattista Tiepolo.

[Massimo Vitta Zelman, Presidente della casa editrice Skira]

 

Indice:

  • L’arte di Tiepolo
    • Giambattista Tiepolo: “il vero mago della Pittura”, di Adriano Mariuz
    • Giambattista Tiepolo: il tempo e la morte, di Giandomenico Romanelli
    • Tiepolo e la cultura artistica dell’Europa del Settecento. di Donald Posner
    • Cronologia documentata della vita e delle opere di Giambattista Tiepolo, di Andrea Bayer
  • Catalogo delle opere
    • La produzione giovanile (1716-1730)
      Giambattista Tiepolo: gli esordi [Schede 1-12]
      di
      Filippo Pedrocco
    • Committenza laica
      Tiepolo decoratore e pittore di scene storiche e mitologiche [Schede 13-26]
      di William L. Barcham
    • Committenza religiosa
      Tiepolo e l’arte sacra [Schede 27-41]
      di Catherine Whistler
    • Ritratti e teste di fantasia
      Tiepolo e l'”arte” del ritratto [Schede 42-46]
      di Diane De Grazia
    • Modelli, capricci e stampe
      L'”infiamata poetica fantasia” di Giambattista Tiepolo [Schede 47-60]
      di Keith Christiansen
  • Bibliografia
  • Indice dei nomi
  • Indice delle opere per soggetto
  • Indice delle opere per ubicazione
  • Referenze fotografiche
Note bibliografiche

Pubblicazione Skira del 1996, a copertine morbide semilucide fotografiche a colori con alette, con titolazioni in bianco al piatto e al dorso; stampata su carta semi-lucida di buona qualità e con buone marginature al testo, e con layout del testo su due colonne; rilegata a filo; corredata da numerose fotografie sia in B/N che a colori; dotata di cofanetto rigido editoriale in tela blu scuro con applicazioni fotografiche semilucide alle fiancate.

Stato di conservazione

Come Nuovo [non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure particolari che vadano evidenziate; legatura compatta e resistente; copertine morbide pressoché intatte; coste abbastanza luminose; ingiallimento delle pagine quasi impercettibile; cofanetto rigido pressoché intatto]

Informazioni aggiuntive

Peso 2,77 kg
Dimensioni 25,5 × 31 × 3,7 cm
Edizione

Luogo di pubblicazione

Milano

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Formato

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Colore principale

Lingua

Condition n/a
Notes Non si notano danni, scritte, segni, strappi o usure particolari che vadano evidenziate; legatura compatta e resistente; copertine morbide pressoché intatte; coste abbastanza luminose; ingiallimento delle pagine quasi impercettibile; cofanetto rigido pressoché intatto.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Giambattista Tiepolo 1696-1996 [Catalogo della Mostra], Ed. Skira, 1996”