Le mie prigioni. Memorie di Silvio Pellico, Ed. Rizzoli, 1933

36,80 [35,38 + I.V.A.]

Le mie prigioni è un libro di memorie scritto da Silvio Pellico e pubblicato nel 1832. Si articola in un arco di tempo che va dal 13 ottobre 1820 al 17 settembre 1830.

Visualizza carrello

Descrizione

Edizione e Anno Rizzoli, Milano, 1933 Illustrazioni 400 fotografie e disegni in B/N
N. Volumi 1 N. Pagine 397
Dimensioni 20,5 x 27,5 x 2,1 cm. Peso (senza imballo) 1,09 kg.
Descrizione

Titolo completo: «Le mie prigioni. Memorie di Silvio Pellico, seguite dalle addizioni di Piero Maroncelli, con proemio e note di Cesare Spellanzon».

Le mie prigioni è un libro di memorie scritto da Silvio Pellico e pubblicato nel 1832. Si articola in un arco di tempo che va dal 13 ottobre 1820, data in cui l’autore venne arrestato a Milano per la sua adesione ai moti carbonari, al 17 settembre 1830, giorno del suo ritorno a casa.

In esso Pellico descrive la sua esperienza di detenzione – prima ai Piombi di Venezia e poi nel carcere dello Spielberg di Brno – accomunata a quella dell’amico Piero Maroncelli, dopo che la condanna a morte, a seguito del celebre processo Maroncelli/Pellico, fu commutata in detenzione al carcere duro: il racconto descrive con realismo l’asprezza del carcere austriaco dello Spielberg (oggi Špilberk nella Repubblica Ceca) e del regime asburgico (di cui il primo ministro austriaco Metternich ammise che danneggiò l’immagine dell’Austria più di una guerra perduta) e contribuì a volgere verso i primi moti risorgimentali italiani molte simpatie dei salotti e degli intellettuali europei.

L’opera ebbe così tanta fortuna presso i contemporanei dello scrittore che divenne il libro italiano più famoso e letto nell’Europa dell’Ottocento. Maroncelli stesso scrisse delle Addizioni alle Mie prigioni di Pellico.

Note bibliografiche

Prima Edizione per Rizzoli del 1933, di grande formato, a copertina rigida in tela blu scuro, con titoli e fregi in oro al piatto e al dorso; rilegata a filo; stampata su carta lucida di buona qualità; ricchissima di disegni, incisioni e fotografie in B/N di ottima fattura.

Stato di conservazione

Buono [il volume ha quasi 85 anni e reca segni del tempo: macchie di polvere e sbiaditure alle copertine, rilegatura alquanto ammorbidita dall’uso anche se in buona parte ancora resistente e funzionale (alcune pagine a fine tomo sono state oggetto di “fissaggio” mediante nastro adesivo trasparente, metodo non professionale ma dal risultato abbastanza accettabile); copertine integre seppur con leggere abrasioni superficiali agli spigoli; ingiallimento della carta nella norma; non si notano scritte o segni alle pagine; una pagina rammendata con nastro adesivo in una crepa, ma completa; inevitabili e tipiche fioriture alle pagine neutre iniziali e finali].

Informazioni aggiuntive

Peso 1,09 kg
Dimensioni 20,5 × 27,5 × 2,1 cm
Autore/i

Silvio Pellico [1789-1854] e Piero Maroncelli [1795-1846]

Edizione

Luogo di pubblicazione

Milano

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Illustrazioni

Formato

Genere

Soggetto

Lingua

Condition Good
Notes Il volume ha quasi 85 anni e reca segni del tempo: macchie di polvere e sbiaditure alle copertine, rilegatura alquanto ammorbidita dall'uso anche se in buona parte ancora resistente e funzionale (alcune pagine a fine tomo sono state oggetto di "fissaggio" mediante nastro adesivo trasparente, metodo non professionale ma dal risultato abbastanza accettabile); copertine integre seppur con leggere abrasioni superficiali agli spigoli; ingiallimento della carta nella norma; non si notano scritte o segni alle pagine; una pagina rammendata con nastro adesivo in una crepa, ma completa; inevitabili e tipiche fioriture alle pagine neutre iniziali e finali.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Le mie prigioni. Memorie di Silvio Pellico, Ed. Rizzoli, 1933”