Giandomenico Romanelli, Venezia Ottocento. L’architettura, l’urbanistica, Ed. Albrizzi, 1988

81,40 [78,27 + I.V.A.]

Il libro documenta i decenni di passaggio della città di Venezia da una condizione di “ancien régime” all’età moderna…

Descrizione

Edizione Albrizzi, Venezia, 1988 Illustrazioni Fotografie e disegni in B/N e a colori
N. Volumi 1 N. Pagine 423
Dimensioni 21,5 x 31 x 4,2 cm. Peso 2,55 kg.
Descrizione

D

alla fine della Serenissima Repubblica, nel 1797, Venezia ha continuato a vivere e a rinnovarsi sospinta dalle sollecitazioni che, di decennio in decennio e di anno in anno, tra una crisi e una – spesso insperata – ripresa, l’hanno condotta da Napoleone agli Asburgo, da una rivoluzione giacobina a una risorgimentale fino al annessione al Regno d’Italia nel 1866.

Il libro documenta i decenni di passaggio della città da una condizione di “ancien régime” all’età moderna: esso privilegia le vicende urbanistiche e l’evoluzione e diffusione dei nuovi linguaggi dell’architettura (dal neoclassicismo palladiano all’Impero, dal biedermeier al neo-lombardesco, dal neogotico al neo-rinascimento). Vi risultano messe a fuoco molte figure di
operatori – architetti, urbanisti, ingegneri, amministratori – che hanno disegnato il percorso
dell’Ottocento veneziano. I vari capitoli vengono tessendo con pazienza lo sfondo storico, culturale ed economico entro cui si sono consumate idealità e delusioni, crisi e fortune, progetti, velleità, utopie, lavori concreti di una città che ha assunto nel suo destino ottocentesco un ruolo emblematico nella storia europea.

Le trasformazioni del volto della città, della sua maglia viaria e della sua struttura edilizia non sono avvenute solo per sottrazione e per impoverimenti (le famose demolizioni, glii atterramenti di edifici monumentali e non, ovvero la scomparsa di canali interni, come tutti sanno} ma, di volta in vota, per rispondere a volontà ed esigenze di modernità o di decoro, di celebrazione o di salubrità, di valorizzazione paesistica o speculazione immobiliare: Venezia è cioè entrata in pieno nella dinamica urbana ottocentesca; ma ha conservato, spesso con fatica, molte delle sue peculiarità e caratteristiche, opponendosi quindi attivamente o passivamente alle diffuse volontà di una sua omologazione alla condizione e ai caratteri delle città di terraferma.

Nel volume gli interventi sono ampiamente documentati e illustrati da un apparato iconografico ricco di materiali inediti: progetti, schizzi, elaborati, affiancati da particolari di
decorazioni di interni, dipinti dell’epoca, incisioni e bozzetti.

Per la prima volta è presentata una completa rassegna dei progetti urbanistici, del dibattito sulle infrastrutture e sui servizi, delle più importanti realizzazioni di architettura moderna, di tutto il più o meno sommesso lavorio che ha dato a Venezia la Sua forma attuale.

Giandomenico Romanelli, Venezia 1945, direttore dei Musei civici veneziani, già docente di storia dell’architettura allo IUAV di Venezia, ha pubblicato volumi c saggi di storia dell’architettura veneziana e italiana con particolare riferimento a Sette, Otto e Novecento.

Note bibliografiche

Prima Edizione di Albrizzi, su stampa Electa, del 1988, a copertina rigida in tela bianca con titolazioni in nero al piatto e al dorso; dotata di sovracoperta opaca fotografica a colori; rilegata a filo; stampata su carta semi-lucida di buona qualità con buone marginature al testo; corredata da numerose fotografie e disegni in B/N e a colori.

Edizione ovviamente esauritissima e di difficile reperibilità anche nell’usato, che ha raggiunto spesso quotazioni prossime agli €170.

Stato di conservazione

Ottimo [il volume non mostra danni strutturali, strappi, segni, mancanze o usure gravi che vadano evidenziate; legatura compatta e resistente; copertine rigide in condizioni più che buone, con velature di polvere e trascurabili segni di vissuto; sovracoperta completa ma con alcune leggere abrasioni ai margini ed una crepa al piatto anteriore, messe in sicurezza con nastro adesivo trasparente sul lato interno; coste un po’ impolverate; ingiallimento delle pagine non molto marcato e concentrato ai margini]

Informazioni aggiuntive

Peso 2,55 kg
Dimensioni 21,5 × 31 × 4,2 cm
Edizione

Luogo di pubblicazione

Venezia

Anno di pubblicazione

Caratteristiche particolari

Formato

Illustrazioni

Genere

Soggetto

Colore principale

Lingua

Condition Good
Notes Il volume non mostra danni strutturali, strappi, segni, mancanze o usure gravi che vadano evidenziate; legatura compatta e resistente; copertine rigide in condizioni più che buone, con velature di polvere e trascurabili segni di vissuto ai bordi; sovracoperta completa ma con alcune leggere abrasioni ai margini ed una crepa al piatto anteriore, messe in sicurezza con nastro adesivo trasparente sul lato interno; coste un po' impolverate; ingiallimento delle pagine non molto marcato e concentrato ai margini.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Giandomenico Romanelli, Venezia Ottocento. L’architettura, l’urbanistica, Ed. Albrizzi, 1988”